GRAN PREMIO F1 2018 – AZERBAIJAN – BAKU

2 maggio 2018
Categorie: Eventi

CIRCUITO DELLA CITTÀ DI BAKU, BAKU
• Data: domenica 29 aprile, 2018
• Numero di giri: 51
• Lunghezza del circuito: 6,003 km
• Distanza di gara: 306.049 km

RISULTATI
• Daniel Ricciardo, Aston Martin Red Bull Racing: Iniziato 4 ° / Finito: DNF
• Max Verstappen, Aston Martin Red Bull Racing: iniziato 5 ° / Finito: DNF

Daniel Ricciardo e Max Verstappen di Aston Martin Red Bull Racing hanno avuto il ritmo giusto a Baku, superando le classifiche temporali nelle prove del venerdì e qualificandosi con forza. In gara, hanno fornito lo spettacolo principale, combattendo ruota contro ruota per la quarta posizione e poi diventando un po ‘troppo vicino. Questo rapporto conclude un fine settimana incoraggiante che è svanito quando è stato importante per la squadra.

Ricciardo è arrivato a Baku sulla cresta dell’onda dopo una clamorosa spinta alla vittoria l’ultima volta in Cina. Le possibilità di difendere la sua vittoria in Grand Prix in Azerbaigian sembravano in buona forma quando l’australiano è andato più veloce nelle prove del venerdì.

Arrivati ​​alle qualifiche, Ricciardo e Verstappen hanno schierato rispettivamente il quarto e il quinto posto, ma hanno avuto grandi speranze per la gara visto il ritmo dimostrato durante le lunghe tirature con carburante elevato, in particolare sullo pneumatico supersoft, nella pratica.

Il duo ha utilizzato le auto Mobil 1 oil oil e il carburante da gara Esso Synergy, progettato per aumentare la potenza e l’efficienza del carburante, per emergere come la squadra con il ritmo di gara più competitivo secondo i dati.

Verstappen ha superato Ricciardo all’inizio della gara ed entrambi i piloti hanno corso a lungo senza vaiolature, grazie al modo favorevole con cui l’RB14 ha usato le sue gomme.

Ricciardo ha combattuto duramente per riconquistare la posizione da Verstappen, ma il suo compagno di squadra ha difeso valorosamente. Dopo che l’olandese è tornato sotto pressione ancora una volta in discesa verso la curva 1, i due si sono scontrati, chiudendo entrambe le loro gare.

Entrambi i piloti si recheranno nella sede dell’Aston Martin Red Bull Racing a Milton Keynes per parlare allo staff della squadra questa settimana e si scuseranno per la perdita di punti e danni causati a entrambe le vetture.

La squadra ha perso terreno nella battaglia del campionato costruttori, ma si prenderanno cura delle loro prestazioni più forti in assetto di gara e del miglioramento della velocità dimostrata nelle qualifiche.

Lewis Hamilton ha vinto una gara caotica, che ha eguagliato la gara dello scorso anno vinta da Ricciardo per il dramma, e ha visto la partecipazione di stelle della musica di tutto il mondo, Christina Aguilera, Jamiroquai e Dua Lipa.

All’inizio del weekend, Ricciardo e Verstappen hanno preso il volante di un diverso tipo di veicolo mentre si dirigevano fuori dai sentieri battuti per correre contro alcuni abitanti del luogo – schivare i vulcani di fango e le pecore nel processo – nella terra di Bulls, fuori Baku.

La Formula 1 è ora diretta in Spagna, con il prossimo Gran Premio che si disputerà sul Circuit de Barcelona-Catalunya dall’11 al 13 maggio.

DANIEL RICCIARDO, DRIVER, ASTON MARTIN RED BULL RACING:
“Sicuramente è stata una gara caotica e credo che ne abbiamo causato la maggior parte. Ho visto alcuni replay e l’unica cosa che entrambi possiamo dire è dispiaciuta per il Team. Questa è l’ultima cosa che volevamo. Vogliamo essere in grado di correre e sono grato che il Team ci ha permesso di correre. Abbiamo cercato di tenerlo pulito e darci l’un l’altro, ma stavamo correndo forte e alla fine ci è costato. Non parlerò dell’incidente, ma questo è stato lo scenario peggiore e tutti sono piuttosto strazianti. Mi scuserò personalmente con il team e ancora una volta mi dispiace solo che siamo tutti in questa situazione quando tutti hanno lavorato così duramente per darci una macchina così buona “.

MAX VERSTAPPEN, DRIVER, ASTON MARTIN RED BULL RACING:
“Oggi è stato davvero deludente per il Team e abbiamo perso molti punti inutilmente. Non penso che dovremmo parlare di colpa perché alla fine della giornata corriamo per una squadra e rappresentiamo molte persone, quindi quando questo accade non è un bene per entrambi. Il traino era molto forte e la nostra velocità era molto simile, quindi eravamo sempre molto vicini l’uno all’altro. Prima dell’incidente è stata una gara difficile ma equa penso e ci siamo dati spazio, abbiamo avuto un po ‘di pennello con le ruote ma penso che nelle corse possa succedere, ma quello che è successo dopo non è buono. Impareremo da questo e dobbiamo assicurarci che non accada di nuovo. Non penso che non lasciarci più gareggiare sia la via da seguire, ma ovviamente ne parleremo come una squadra e impareremo da essa. Siamo sempre molto leali l’uno con l’altro e abbiamo parlato immediatamente di questo. Per ora, mi dispiace e voglio scusarmi con le persone che rappresentiamo qui e in fabbrica. ”

CHRISTIAN HORNER, TEAM PRINCIPAL, ASTON MARTIN RED BULL RACING:
“Oggi è stata una gara davvero frustrante per la squadra. Dopo alcune dure gare tra i due piloti durante il Gran Premio, sfortunatamente, il contatto è stato effettuato dopo il pitstop con conseguente ritiro di entrambe le vetture. Ovviamente, per il Team è estremamente deludente. Permettiamo ai nostri piloti di gareggiare da una vettura all’altra, cosa che hanno fatto con grande successo negli ultimi due anni. Sfortunatamente, oggi è successo e non c’è alcuna colpa assegnata a nessuna delle due parti. È estremamente frustrante per la squadra e gli autisti si sono scusati. La cosa più importante è imparare da oggi e assicurarci di evitare una situazione di ripetizione “.

  Articolo precedente
«