GRAN PREMIO F1 2018 – STATI UNITI – AUSTIN

22 ottobre 2018
Categorie: Eventi

AUSTIN

• Data: domenica 21 ottobre 2018
• Numero di giri: 56
• Lunghezza del circuito: 5,513 km
• Distanza delle distanze: 308.405 km

RISULTATI
• Max Verstappen, Aston Martin Red Bull Racing: iniziato 18 / finito: 2 °
• Daniel Ricciardo, Aston Martin Red Bull Racing: Iniziato 4 ° / Finito: DNF

Max Verstappen è rinomato per la sua capacità di sorpasso e ad Austin questo fine settimana, ha mostrato alcune delle sue mosse migliori per assicurarsi un secondo posto straordinario. Questo rapporto recensisce il Gran Premio degli Stati Uniti dell’Aston Martin Red Bull Racing …

Con la pioggia che rende il venerdì un vero e proprio washout, non è stato fino all’ultima sessione di libere del sabato mattina al maestoso Circuit of The Americas che abbiamo iniziato a leggere il modulo per la gara di domenica.

La RB14, equipaggiata con il carburante da corsa Exxon e Mobil Synergy e l’olio motore Mobil 1, si è dimostrata forte attorno alle curve ad alta velocità di Austin, con Daniel Ricciardo in quinta posizione, che è diventato quarto grazie a una penalità per Sebastian Vettel.

Verstappen ha avuto un problema meccanico in qualifica e alla fine ha iniziato il 18 ° posto, ma la bassa posizione della griglia ha creato le condizioni per ricaricare il pacchetto – e l’olandese non ha deluso.

Alla fine del primo giro, aveva già fatto nove incredibili posizioni per correre in nona posizione. Questo è diventato il quarto al nono giro. Il team ha poi utilizzato una super strategia per permettergli di battere Valtteri Bottas per conquistare il terzo posto.

E gestendo le sue gomme in modo efficace, Verstappen è stato in grado di fare una strategia one-stop e questo a sua volta gli ha permesso di saltare il leader del campionato Lewis Hamilton per il secondo.

Era allora il momento di inseguire il leader della corsa Kimi Raikkonen, ma nonostante avesse accumulato pressione sul pilota della Ferrari, le sue gomme iniziarono a perdere aderenza e si ritirò e fu costretto a difendere da Hamilton nelle fasi conclusive.

Nonostante Hamilton abbia pneumatici più freschi, Verstappen ha tenuto a bada la Mercedes per conquistare il secondo posto, con Hamilton che non ha ottenuto abbastanza punti per vincere il suo quinto campionato del mondo con tre gare da disputare.

Il compagno di squadra di Verstappen Ricciardo ha corso comodamente quarto nelle prime fasi, ma un problema meccanico lo ha costretto a ritirare il suo RB14.

Verstappen e Ricciardo, in vista del fine settimana, sono andati a fare shopping per abiti da gara su misura in Texas, mentre Verstappen ha partecipato ad un evento mediatico Exxon & Mobil pre-gara nel centro di Austin.

L’olandese ha gareggiato in uno spettacolo a quiz e ha consegnato ai fortunati vincitori del Red Bull Pit Stop Challenge la fornitura di un anno di carburante Exxon e Mobil.

Nel frattempo, a Miami, David Coulthard ha eseguito una serie di ciambelle fumanti sulla cima di una delle torri più iconiche di Miami: l’edificio del Museo alto 700 piedi.

La Formula 1 ora va dritta in Messico, con il prossimo Gran Premio che si svolgerà a Città del Messico dal 27 al 29 ottobre.

MAX VERSTAPPEN, DRIVER, ASTON MARTIN RED BULL RACING:
“È sicuro dire che oggi è andato molto meglio del previsto. Sono riuscito a rimanere fuori dai guai al primo giro mentre avanzavo in campo mentre il ritmo della mia macchina era molto forte. Questo è stato fondamentale in quanto mi ha permesso di adattarmi al mio ritmo e prendere le vetture in vantaggio. Non pensavo che la mescola Soft fosse la migliore in circolazione, una volta che mi sono fermato mi sentivo più a mio agio e in grado di controllare i Supersoft. L’undercut su Valtteri era l’ideale e probabilmente la chiave per raggiungere il podio, una bella chiamata della squadra. In effetti, la nostra intera strategia era azzeccata e, una volta fermati, siamo stati in grado di gestire i Supersoft fino alla fine. Gli ultimi 10 giri sono stati piuttosto eccitanti, soprattutto essendo l’unica vettura della mescola più morbida che combatteva al fronte. Stavo cercando di avvicinarmi a Kimi ma allo stesso tempo tenendo d’occhio Lewis nel mio specchio, era vicino ma siamo riusciti a restare al secondo posto. Lewis ha provato, ma ci siamo entrambi scambiati un sacco di spazio e per fortuna ha corso un po ‘largo e su una parte sporca della pista. Penso di aver iniziato a rimanere senza trazione verso la fine, quindi attaccare Kimi non era sul tavolo. La squadra ha sicuramente festeggiato un po ‘stasera prima di dirigersi in Messico, dove cercheremo di fare ancora meglio “.

DANIEL RICCIARDO, DRIVER, ASTON MARTIN RED BULL RACING:
“E ‘incredibilmente frustrante andare in pensione così presto in gara e non mi sembra di avere fortuna al momento. Tutto è appena finito e sembrava quasi identico a quello che avevo in Bahrain all’inizio dell’anno. Non riuscivo nemmeno a comunicare con nessuno alla radio, quindi sembra un guasto alla batteria. Ora, vedere come si è svolta la gara rende ancora più difficile prendere come avrebbe potuto essere piuttosto interessante ed è stato un grande pomeriggio per Max. Non c’è molto altro da dire a riguardo per essere onesti. Un sacco di volte quest’anno ci sono state cose fuori dal mio controllo ma posso solo continuare a provare. La più grande vergogna è che ho solo una manciata di gare rimaste con la Red Bull e voglio avere più punti alti di quelli che abbiamo avuto. Voglio essere in grado di festeggiare con la squadra almeno un’altra volta e salire sul podio per godere di quella sensazione, ma stiamo per finire le gare che è piuttosto difficile da prendere al momento. ”

CHRISTIAN HORNER, TEAM PRINCIPAL, ASTON MARTIN RED BULL RACING:
“Ancora una volta, la scuderia di Max torna a diciott’anni e termina il primo giro in nona posizione. Ha iniziato con la gomma morbida e si è fatto rapidamente strada attraverso il campo. Abbiamo quindi scelto il momento giusto per battere Bottas e andare sul Supersoft. A quel punto abbiamo pensato che sarebbe stata una gara a due soste, ma poi ci siamo convertiti in un one-stop visto che Max stava facendo un ottimo lavoro nel gestire le sue gomme. Divenne poi tutto negli ultimi dieci giri mentre si avvicinava a Kimi e Lewis, che aveva una strategia a due soste, aveva un ritmo molto più veloce in grado di chiudere le due vetture di testa. Una buona e giusta lotta tra Max e Lewis negli ultimi due giri ha regalato a Kimi il respiro di una meritata vittoria e Max un fantastico secondo posto. Per Daniel, dopo aver iniziato la gara con forza e sembrare così competitivo, è stato estremamente frustrante perderlo così presto da quello che sembra un problema ricorrente del Bahrain, dove si sospetta che il negozio di energia del motore abbia fallito in modo definitivo. Per fortuna abbiamo uno in più la nostra allocazione che abbiamo introdotto a Sochi, il che significa che dovremmo evitare una penalità in Messico il prossimo fine settimana. Tutto il team prova per Daniel, visto che vogliamo solo vederlo finire al massimo nelle restanti gare con noi e per motivi al di fuori del nostro controllo, nelle ultime gare, ciò non è stato possibile “.