GRAN PREMIO F1 2018 – RUSSIA – SOCHI

3 ottobre 2018
Categorie: Eventi

SOCHI
• Data: domenica 30 settembre 2018
• Numero di giri: 53
• Lunghezza del circuito: 5.848 km
• Distanza delle distanze: 309.745 km

RISULTATI
• Max Verstappen, Aston Martin Red Bull Racing: iniziato il 19 / finito: 5 °
• Daniel Ricciardo, Aston Martin Red Bull Racing: iniziato 18 / finito: 6 °

Max Verstappen è stato annunciato come un futuro campione del mondo e l’olandese ha dimostrato ancora una volta perché ha guadagnato quel tag con una sensazionale spinta in rimonta a Sochi. Questo report analizza il Gran Premio della Russia di Aston Martin Red Bull Racing …

Sarà sempre un fine settimana impegnativo per Verstappen e il compagno di squadra Daniel Ricciardo, una volta che l’Aston Martin Red Bull Racing ha optato per apportare modifiche ai componenti del motore che comporterebbero penalità confinanti sia sul retro della griglia.

Ma il duo ha mostrato al pubblico russo cosa la RB14, equipaggiata con il carburante da gara Esso Synergy e l’olio motore Mobil 1, è stata capace di fare un passo impressionante con la pratica del venerdì, con Verstappen al secondo posto nella FP1.

La prestazione è proseguita nell’ultima sessione di prove libere di sabato, con entrambi i piloti che hanno dimostrato di avere il ritmo giusto per concludere con un doppio punto di vantaggio domenica, nonostante le loro previste basse interruzioni di griglia.

Hanno scelto di non impostare un tempo nel secondo segmento delle qualifiche, visti i rigori, e alla fine hanno iniziato la gara dal 18 ° al 19 ° posto in griglia.

Verstappen non si fermò quando le luci si spensero, l’olandese si tuffò e si tuffò con astuzia e determinazione. Entro otto giri, ha fatto un incredibile 14 posizioni.

Quando ha iniziato con il più morbido pneumatico Pirelli, il pilota dell’Aston Martin Red Bull Racing è stato in grado di correre in profondità quando altri si sono fermati, permettendogli di prendere il comando e rimanere lì con pneumatici sempre più consumati.

Alla fine ha dovuto bucare per una seconda mescola di pneumatico, come da regole, dopo di che ha corso quinto, una posizione che ha tenuto comodamente fino alla bandiera a scacchi, attraversando la linea di un posto davanti a Ricciardo, che ha consegnato un drive altrettanto impressionante ma la cui performance è stata ostacolata quando ha colpito detriti.

Ci sono stati diversi motivi per fare lo champagne questo fine settimana a Sochi, con Verstappen che ha festeggiato il suo 21 ° compleanno e ha offerto una performance in pista che è stata così buona, i fan lo hanno votato Driver of the Day.

Nel frattempo, c’è stata tensione per Ricciardo mentre si preparava a guardare la sua squadra di football australiana, la West Coast Eagles, sfidare Collingwood nell’AFL Grand Final.

Con un cappello e una sciarpa da squadra nel paddock, l’australiano ha preso un posto in prima fila nell’ospitalità della squadra ed è stato esultante quando gli underdogs hanno trionfato con un gol in ritardo.

Durante il weekend di gara, il consulente tecnico di ExxonMobil Motorsport Dario Izzo ha completato una serie di interviste nel laboratorio di Trackside con la televisione russa di alto livello e i media online.

La Formula 1 ora va direttamente in Giappone, con il prossimo Gran Premio che si svolgerà a Suzuka dal 5 al 7 ottobre.

MAX VERSTAPPEN, DRIVER, ASTON MARTIN RED BULL RACING:
“Arrivare dalla quinta alla fine è stato un ottimo risultato oggi. Ho fatto una buona partenza, un buon primo giro e da quel momento in poi avremmo potuto attraversare il traffico più facilmente del previsto e anche gestire le gomme molto bene. All’inizio è stato un po ‘complicato perché Pierre si è fermato davanti a me e ho dovuto girargli attorno. Poi, alla 2 ° curva, siamo stati attenti a non avere alcun contatto e dopo i primi otto giri eravamo quinti e ancora nella finestra del pit stop di Ferrari e Mercedes. Dopo aver bucato, non potevano oltrepassarmi. Inaspettatamente, ero in testa alla gara e potevo mantenerli indietro, il che dimostra che avevamo davvero un buon passo, anche con gomme vecchie. Poi, una volta fermati, dovevamo solo portarlo a casa. La strategia degli pneumatici era giusta perché le gomme Soft erano l’unica opzione che avevamo per andare il più a lungo possibile in gara. Oggi è stato meglio del previsto, quindi spero che anche il resto delle gare in questa stagione sarà migliore di quello che ci aspettiamo. Mi sono divertito là fuori e questo è un buon risultato per il mio compleanno. ”

DANIEL RICCIARDO, DRIVER, ASTON MARTIN RED BULL RACING:
“Il primo giro è stato un po ‘confuso e ci sono alcune piccole cose su cui tornerò a guardare e cercherò di fare meglio. Due auto stavano combattendo alla curva 8 e quando sono passato a passarle ero in bilico, poi fuori pista, che mi ha fatto perdere posizioni. Ho quindi provato a prendere la scia di quello che penso fosse la McLaren, ma quando ho tirato fuori dal traino ho colpito alcuni detriti danneggiando la mia ala anteriore. Da lì in poi, abbiamo avuto un po ‘di zoppicare e la mia gara è stata piuttosto solitaria. Penso che come squadra, il quinto e il sesto erano probabilmente i migliori che potevamo ottenere dal fondo della griglia oggi, ma ovviamente mi piacerebbe essere stato più vicino al quinto rispetto al settimo. Anche se questo weekend abbiamo avuto un passo migliore del previsto, penso che abbiamo ancora preso la decisione giusta per prendere i rigori e sulla carta Suzuka, Austin e il Messico hanno un aspetto migliore per noi. Potrei aver dimenticato cosa assomiglia allo champagne e voglio decisamente di più prima che la stagione sia finita, quindi farò quello che posso a Suzuka per ottenere quello. ”

CHRISTIAN HORNER, TEAM PRINCIPAL, ASTON MARTIN RED BULL RACING:
“Una fantastica spinta da Max oggi per il suo 21 ° compleanno; è stata una prestazione davvero matura e entrare nei primi sei nei primi sette giri è stato fenomenale da guardare. Max ha poi guidato la gara per una grande percentuale del Grand Prix, ma ovviamente dovevamo fare il pit stop obbligatorio, che abbiamo fatto a dieci giri dalla fine, mettendolo fuori contatto con i leader. Con le gomme Ultrasoft abbastanza fragili, non è stato in grado di portare la lotta alla Ferrari nelle fasi conclusive, portando la sua vettura a casa al quinto posto. Sfortunatamente Daniel ha subito danni all’ala anteriore nel primo giro, perdendo il carico aerodinamico anteriore, che ha dovuto gestire per tutta la prima parte della gara. Era ancora in grado di entrare nei primi sei e una volta fuori da Leclerc il Team è stato in grado di fare un cambio di naso veloce e riportarlo in sesta posizione. Finire quinto e sesto posto dietro a Ferrari e Mercedes è stato il massimo che avremmo potuto ottenere dal fondo della griglia di oggi, ma è stato molto incoraggiante vedere il forte ritmo della RB14 per tutto il weekend “.

 
 Articolo successivo
»