GRAN PREMIO F1 2018 – ITALY- MONZA

3 settembre 2018
Categorie: Eventi

MONZA
• Data: domenica 2 settembre 2018
• Numero di giri: 53
• Lunghezza del circuito: 5.793 km
• Distanza delle distanze: 306,720 km

RISULTATI
• Max Verstappen, Aston Martin Red Bull Racing: Iniziato 5 ° / Finito: 5 °
• Daniel Ricciardo, Aston Martin Red Bull Racing: iniziato il 19 / finito: DNF

Max Verstappen è stato veloce nei blocchi nelle ultime gare – e ha dato un altro brillante inizio a correre sul podio per la maggior parte della gara prima che una penalità di tempo lo portasse al quinto posto. Questo report analizza il Gran Premio italiano dell’Aston Martin Red Bull Racing …

L’iconico Autodromo Nazionale di Monza, incastonato nello splendido Parco di Monza, ha ospitato il Gran Premio d’Italia, con l’Aston Martin Red Bull Racing desideroso di sfruttare lo slancio di un podio scintillante a Spa-Francorchamps l’ultima volta.

Il fornitore di motori della squadra, la Renault, ha firmato la terza unità specifica per questa gara, con l’Aston Martin Red Bull Racing che ha optato per il motore sia per Max Verstappen che per la RB14 di Daniel Ricciardo per Monza.

In combinazione con il potenziato carburante da gara Esso Synergy (introdotto in Ungheria) e l’olio motore Mobil 1 che protegge il motore su un grande circuito di potenza come Monza, entrambi i piloti hanno parlato di un guadagno complessivo di prestazioni del motore nel tentativo di sfidare Ferrari e Mercedes.

Con Ricciardo che si concentra sul ritmo a lungo termine durante le sessioni di allenamento, con la gara in testa, Verstappen ha diviso il suo programma tra corse brevi e lunghe e si è qualificato quinto. Ricciardo è partito 19 ° dopo i rigori per i cambi di componenti del motore.

Verstappen ha fatto una fuga brillante, salendo la Mercedes di Valtteri Bottas per passare al quarto posto e poi ereditare il terzo posto quando Sebastian Vettel è andato in testacoda dopo il contatto con il rivale del titolo Lewis Hamilton alla seconda chicane.

Da lì, Verstappen ha mostrato un ritmo supremo sui rettilinei ad alta velocità di Monza – uno dei circuiti più veloci del calendario che premia l’efficienza e la potenza del motore – ed è stato in grado di tenere Bottas a bada per l’apertura della gara.

Tuttavia, quando difesero dalla Mercedes sulla pista della prima chicane, i due entrarono in contatto con gli steward penalizzando Verstappen per la collisione e consegnandogli una penalità di cinque secondi.

Anche se ha tagliato il traguardo in terza posizione, è stato retrocesso di due posti al quinto, dietro a Bottas e Vettel. Il suo compagno di squadra Ricciardo ha fatto buoni progressi per sedersi sull’orlo dei punti dell’undicesimo posto prima che un problema tecnico terminasse la sua corsa.

In vista del weekend di gara, l’Aston Martin Red Bull Racing ha affrontato Ricciardo contro Verstappen in un gioco di parole italiano: come conosci i tuoi formaggi e villaggi italiani? Guarda chi ha vinto sul canale YouTube di Aston Martin Red Bull Racing.

Durante il weekend di gara, il consigliere tecnico ExxonMobil Motorsport Dario Izzo – che partecipava alla sua gara di casa – ha fatto una serie di interviste focalizzate sul test dei campioni di olio motore Mobil 1 nel Trackside Lab con i media italiani di alto livello.

La Formula 1 è ora diretta a Singapore, con il prossimo Grand Prix che si terrà a Marina Bay il 14-16 settembre.

MAX VERSTAPPEN, DRIVER, ASTON MARTIN RED BULL RACING:
“Penso che se guardi alle prestazioni della macchina, abbiamo fatto davvero un buon lavoro nell’essere competitivi su questa pista oggi. Non penso che avrebbe potuto essere migliore per noi e finire terzo su strada è stato un buon risultato. Purtroppo abbiamo avuto un rigore e sono stato rimesso al quinto. Penso di aver dato a Valtteri abbastanza spazio a sinistra, quindi non ha avuto bisogno di uscire dalla pista. La regola dice che se si lascia allo spazio dell’altro autista uno spazio di larghezza, dovrebbe essere sufficiente. Questo è quello che ho fatto, ma ha tagliato la ruota alla curva 1 e ha dovuto proseguire dritto. Non sono d’accordo con la penalità, ma la decisione è presa e non possiamo farci nulla. Ovviamente, dopo aver saputo della penalità, ero ancora più determinato a mantenere la mia posizione in pista. Ho provato a fare la miglior gara possibile e ho dovuto lottare duramente perché siamo molto più lenti sui rettilinei. Prima della gara pensavo che il quinto sarebbe stato il miglior risultato possibile per noi, ma dopo una buona partenza e mantenendo la Mercedes alle spalle, eravamo in terza posizione, quindi ho dato tutto. Guardando gli aspetti positivi, la macchina stava andando molto bene oggi e in termini di ritmo eravamo competitivi. In generale tenere una Mercedes dietro di te su questa pista è un segnale molto positivo e speriamo di poter mantenere questo slancio andando a Singapore dove la nostra macchina è solitamente forte “.

DANIEL RICCIARDO, DRIVER, ASTON MARTIN RED BULL RACING:
“È stata un’altra gara frustrante per me. Passai da Stroll e mi guardai allo specchio per vedere se ero chiaro da lui ma non riuscivo a vederlo bene. Poi ho capito che c’era un sacco di fumo che usciva dal retro dell’auto e quando l’ho riferito ai miei ingegneri mi hanno chiesto di fermarmi. Avevo paura che potesse essere qualcosa a che fare con il propulsore, ma dopo aver riavviato la macchina in garage ei ragazzi hanno indagato, sospettano che si tratti di un problema di frizione. È stato un periodo frustrante di gare, ma speriamo di poter cambiare alcune cose sulla macchina, migliorare l’affidabilità e puntare al podio a Singapore “.

CHRISTIAN HORNER, TEAM PRINCIPAL, ASTON MARTIN RED BULL RACING:
“Dopo una buona partenza, Max è stato in grado di passare Valtteri Bottas nella chicane, quindi evitare l’incidente alla curva 2 e completare il primo giro in P3. Fu quindi in grado di consolidare quella posizione e mantenere Valtteri indietro nel primo stint. Abbiamo bucato una volta che abbiamo trovato una finestra e siamo passati alla gomma morbida e il passo di Max è stato abbastanza forte da mantenere la posizione in pista di Valtteri che avrebbe sempre avuto il vantaggio alla fine della gara con il pneumatico più fresco. Mentre difendevano dalla Mercedes alla curva 1, i commissari giudicarono, sfortunatamente, che non lasciava abbastanza spazio, con conseguente penalità di cinque secondi che gli consentiva di passare dalla posizione di P3 a P5. Ciò nonostante, Max ha guidato le ruote fuori dall’auto per tutto il pomeriggio e ha fatto un buon lavoro. Daniel ha guadagnato posizioni all’inizio della gara e stava facendo buoni progressi, ma sfortunatamente abbiamo avuto un problema che ci ha costretto a ritirare la vettura con un sacco di fumo che usciva dalla presa d’aria. Non siamo ancora del tutto sicuri della causa, ma si tratta di un sospetto problema di frizione “.